QUARESIMA 2020

.

 

UNA CHIESA CHE NASCE

 MONGOLIA – Arvaiheer

Padre Giorgio Marengo (Istituto Missioni Consolata)

Ristrutturazione docce pubbliche

Padre Giorgio Marengo, cuneese di nascita, fa parte della piccola comunità di Missionari e Missionarie della Consolata che fin dal 2006 si è insediata nella parte centrale della Mongolia ad Arvaiheer. Qui si vive oggi in un certo senso l’esperienza della Chiesa degli inizi, quando dopo la Risurrezione di Gesù, lo Spirito Santo guidava tante persone, praticamente tutte adulte, ad aprire il cuore a Gesù e diventare cristiani. Questo è il mistero della chiamata di Dio per ognuno. Ma spesso il cammino silenzioso di avvicinamento alla fede in Gesù è suscitato da gesti di attenzione e di cura che i missionari, in modo del tutto gratuito, mettono in atto realizzando opere in favore di chi lì sempre vive. I gesti di volta in volta operati in risposta alle esigenze quotidiane sono diventanti impegni costanti: l’asilo, il doposcuola, le docce pubbliche, lo sportello di ascolto, la formazione umana e la catechesi; tutto questo offerto sempre in modo gratuito. Padre Giorgio chiede un aiuto per ristrutturare le docce pubbliche, così necessarie per la dignità degli abitanti di Arvaiheer e per continuare gli impegni presi.

 


UNA CHIESA CHE NASCE

TANZANIA – Kifaru

Associazione “Insieme per l’India Onlus”

Costruzione di un dormitorio per minori

L’Associazione fossanese “Insieme per l’India Onlus” da diversi anni opera in India con i sacerdoti, di origine indiana. Negli ultimi tempi alcuni di questi sacerdoti hanno aperto una missione in Tanzania, paese particolarmente povero dove sono molti i bambini orfani. Vedendo la situazione di grave povertà economica e di abbandono in cui si trovano tanti minori, i sacerdoti hanno maturato il desiderio di costruire un dormitorio a Kifaru, nella regione del Kilimangiaro, appartenente alla diocesi di Same. Attualmente infatti la maggiore emergenza è dare un tetto ai piccoli orfani, iniziando così a toglierli dalla strada dove sono esposti a rischi enormi e piano piano introdurli in un ambiente in cui si sentano riconosciuti, curati ed educati. La missione dei sacerdoti indiani è quella di regalare un futuro a questi bambini a partire da un semplice sorriso.

 

 

UNA CHIESA CHE ACCOMPAGNA

 REP. DEM. CONGO – Selembao/Kinshasa

Suore di San Giuseppe di Cuneo

Costruzione di nuovi servizi igienici per la scuola

Alla Congregazione delle Suore di San Giuseppe di Cuneo appartengono ormai oltre 50 sorelle native dell’Africa. In Camerun e nella Repubblica Democratica del Congo sono proprio le africane a dar forza al carisma e agli obiettivi della Congregazione. A Selembao, quartiere povero della periferia di Kinshasa (capitale della Repubblica Democratica del Congo), nel 2001 è iniziato un progetto di scolarizzazione e formazione. Per venire incontro alle disagiate condizioni di tante famiglie, le stesse suore hanno gratuitamente svolto il servizio di insegnanti. La Scuola San Giuseppe oggi è dotata di Scuola Materna, Primaria e Secondaria con un buon livello di insegnamento e formazione e con 580 alunni iscritti per questo anno scolastico. Un problema che si è registrato negli ultimi tempi riguarda le condizioni igieniche generali della scuola, con la necessità di costruire nuovi servizi igienici. Come le suore accompagnano questo popolo, così noi accompagniamo con il nostro contributo l’opera formativa che stanno realizzando.

 

UNA CHIESA CHE ACCOMPAGNA

KENYA – Chaaria

Suor Carla Ferrero (Suore del Cottolengo)

Interventi di miglioria abitativa nei quartieri poveri

Suor Carla Ferrero, fossanese di nascita, da vent’anni si trova in Africa, prima a Nairobi poi a Kisarawe in Tanzania, oggi nuovamente in Kenya, a Chaaria, nella Diocesi di Meru. Fa parte delle suore del Cottolengo e lavora nel centro per disabili mentali e fisici fondato dall’istituzione del Cottolengo di Torino. Chaaria è un villaggio abbastanza esteso dove la popolazione vive dei prodotti della terra (mais, fagioli) e la vita dipende dalla pioggia: quando è scarsa c’è la fame, quando invece le piogge arrivano scroscianti, producono danni sia alle coltivazioni che alle case. Nell’ospedale per disabili in cui operano le suore cottolenghine l’età dei ricoverati spazia dai 16 ai 58 anni e tanti di loro sono stati abbandonati davanti al cancello dell’ospedale. Le suore li accolgono e li curano, e quando le loro famiglie si fanno riconoscere accompagnano ed aiutano anche loro. Tutti vivono in situazione di estrema povertà e indigenza. Suor Carla chiede il nostro aiuto per sostenere piccoli interventi che possano migliorare le abitazioni di alcune famiglie particolarmente povere.

 

UNA CHIESA ATTENTA AGLI ULTIMI

 HAITI – Jérémie

Padre Massimo Miraglio (Missionari Camilliani)

Costruzione di case danneggiate dall’uragano Matthew

Padre Massimo Miraglio, nativo di Borgo San Dalmazzo, è ben noto ai cuneesi per essere uno di quei missionari esposti in prima linea in uno degli ambienti più poveri di tutta la terra. Haiti dal 2010 è passato attraverso un terremoto devastante che ha lasciato sul campo morte (oltre 300.000 morti), malattie (una devastante epidemia di colera), disabilità e miseria; nel 2013 l’uragano Sandy ha causato 80 morti e nel 2016 l’uragano Matthew ha provocato la morte di 800 persone. Padre Massimo vive e opera a Jérémie come missionario camilliano e ci potrebbe raccontare infinite storie di miseria e fame che, troppo spesso, coinvolgono anche i bambini. A oltre due anni dal passaggio dell’uragano Matthew la situazione è migliorata, ma Padre Massimo non si stanca di dare attenzione a tante persone ancora in difficoltà. Attraverso la nostra solidarietà intende proseguire la costruzione di nuove case e la riparazione di quelle danneggiate, acquistare materiali, impiegare manodopera per dare un tetto ad un numero maggiore di famiglie e restituire loro la dignità.

 

UNA CHIESA ATTENTA AGLI ULTIMI

 BRASILE – Rio de Janeiro

Don Luigi Bruno (Missionario Fidei Donum)

Sostegno al Centro Culturale Dom Hélder Câmara

Padre Luigi Bruno, nativo di Mellea, frazione di Fossano, è Sacerdote Fidei Donum della diocesi di Fossano. Da cinquant’anni opera nella periferia di Rio De Janeiro (parrocchia di San Simone, Lote XV Belford Roxo, diocesi di Nova Iguaçu), dove si è dedicato per migliorare la qualità della vita dell’intera comunità. Insieme alla sua gente ha ottenuto interventi fondamentali quali la luce, il trasporto e l’assistenza medica, che purtroppo oggi sono messi in discussione dal nuovo Presidente brasiliano. Nella periferia di Rio de Janeiro la questione giovanile è sempre in emergenza per la bassa scolarità, per l’alto rischio di cadere nella delinquenza e nella droga e per la mancanza di risorse economiche ed educative. Da sempre Padre Luigi dedica attenzioni ed energie ai ragazzi e ai giovani della comunità, offrendo attività che li impegnano per ampliare il loro sguardo attraverso lo studio, lo sport, la collaborazione, la solidarietà. Ultimamente sta cercando di sviluppare iniziative culturali con i ragazzi del Centro di Educazione Popolare della Parrocchia, dedicato a dom Hélder Câmara.

Se vuoi puoi lasciare la tua offerta

  •  in parrocchia
  • presso l’ ufficio del Centro Missionario e della Caritas Diocesana
  • mediante versamento su C/C bancario intestato a Caritas diocesana Fossano IBAN: IT29T0617046320000001603189